INPS: Indennità COVID-19 (Bonus 2400 euro Decreto Sostegni 2021).

Versione stampabileVersione stampabilePDF versionPDF version

È attivo il servizio per la presentazione della domanda di indennità Covid-19 prevista dal Decreto Sostegni (decreto legge 41/2021), per le seguenti categorie di lavoratori:

  • stagionali e somministrati dei settori del turismo e degli stabilimenti termali;
  • stagionali appartenenti a settori diversi da quelli del turismo e degli stabilimenti termali;
  • intermittenti;
  • autonomi occasionali;
  • incaricati di vendita a domicilio;
  • subordinati a tempo determinato dei settori del turismo e degli stabilimenti termali;
  • lavoratori dello spettacolo.

Ai fini dell’accesso all’indennità onnicomprensiva di cui trattasi, la disposizione di cui al citato articolo 10, comma 2, del decreto-legge n. 41 del 2021 prevede altresì che detti lavoratori abbiano svolto la prestazione lavorativa – con la qualifica di stagionali e con un datore di lavoro rientrante nei predetti settori - per almeno trenta giornate nel medesimo arco temporale 1° gennaio 2019 - 23 marzo 2021 e che non siano, alla medesima data del 23 marzo 2021, titolari di trattamento pensionistico diretto (cfr. il successivo paragrafo 8), né di indennità di disoccupazione NASpI, né di rapporto di lavoro dipendente alla data del 24 marzo 2021.

La medesima indennità onnicomprensiva, di importo complessivo pari a 2.400 euro, è riconosciuta, ai sensi del citato articolo 10, comma 2, anche a favore dei lavoratori in somministrazione, impiegati presso imprese utilizzatrici operanti nel settore del turismo e degli stabilimenti termali, che hanno cessato involontariamente - nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e la data del 23 marzo 2021, di entrata in vigore del medesimo decreto-legge n. 41 del 2021 - un rapporto di lavoro in somministrazione presso imprese utilizzatrici operanti nei settori del turismo e degli stabilimenti termali, come individuati nella tabella riportata in calce al presente paragrafo.

La misura di sostegno prevede l’erogazione di una indennità pari a 2.400 euro. I lavoratori già beneficiari dell’indennità prevista dal Decreto Ristori (decreto-legge 137/2020) hanno ricevuto il pagamento senza dover presentare una nuova domanda.

Invece i lavoratori che non hanno beneficiato dell’indennità del Decreto Ristori, possono presentare la domanda per il riconoscimento della nuova prestazione entro il 31 maggio 2021.

Per maggiori informazioni è possibile consultare la circolare INPS 19 aprile 2021, n. 65.

 

ACCEDI AL SERVIZIO 

 

Istruzioni per l'accesso:

L'accesso ai servizi online dell'INPS è consentito ai soli soggetti in possesso di un PIN rilasciato dall'Istituto, di una identità SPID, almeno di livello 2, di una Carta di identità elettronica 3.0 (CIE) o di una Carta Nazionale dei Servizi (CNS).
Le credenziali di accesso sono strettamente personali e il loro utilizzo non è delegabile. Tutte le operazioni effettuate sono soggette a tracciatura ed imputate al titolare dell'utenza, con le relative responsabilità civili e penali. L'eventuale stampa, annotazione o memorizzazione su supporti telematici dovrà essere conservata con cura, per non permettere l'accesso ai servizi telematici da parte di persone non autorizzate. Le utenze non possono essere utilizzate per effettuare accessi mediante strumenti informatici che generano richieste di servizio in maniera automatica (ad esempio robot). Le informazioni ed i dati personali, ottenuti mediante l'utilizzo dei servizi telematici, dovranno essere trattati nel pieno rispetto della normativa vigente.
La sessione di lavoro dell'utente viene chiusa automaticamente in seguito ad un periodo di inattività di 30 min.
 
Le modalità operative di utilizzo del PIN INPS sono:
 al primo accesso il sistema obbliga l'utente alla modifica del PIN, il nuovo PIN generato sarà di soli 8 caratteri;
 il sistema obbliga l'utente alla modifica del PIN almeno ogni 6 mesi per i cittadini e ogni 3 per gli intermediari istituzionali;
 dopo 10 tentativi consecutivi di accesso con un PIN errato il sistema inibisce l'accesso all'utente per 5 minuti, ogni tentativo successivo richiederà l'attesa di ulteriori 5 minuti fino a quando non verrà inserito il PIN corretto.
Per ulteriori informazioni in merito alle regole e avvertenze di utilizzo del PIN si rimanda al messaggio INPS n. 11837 del 23/7/2013.
Data di scadenza: 
Martedì, 1 Giugno, 2021