Nasce ad Olbia la prima “Artoteca” della Sardegna.

Versione stampabileVersione stampabilePDF versionPDF version

Il prestito gratuito di opere d’arte.
 

L’iniziativa, a cura di Aldo Manzanares presidente dell’associazione culturale Olbiapulse/SpazioArte di via Napoli, 3 ha lo scopo di promuovere e rendere fruibile l’arte contemporanea ad un pubblico allargato superando le barriere culturali e psicologiche che ancora ne ostacolano la diffusione e rompendo gli schemi delle proposte tradizionali di “mostrare” l’arte.

I pionieri dell’iniziativa sono i seguenti artisti:
 

Piero Carmelo Campanella, Battista Doneddu, Romano Galetto, Violetta Klemczak, Marco Lay, Gisella Mura, Gianfranco Nieddu, Gigi Musa, Raffaele Piras, Sarko Sarkos, Carlo Pietro Solinas e infine Gatto, le cui opere sono in mostra nella medesima galleria di via Napoli e sul sito www.siamoarte.com dove oltre le opere è possibile visionare i curriculum artistici degli stessi.

Ma cos’è un “Artoteca”?
 

Con il termine Artoteck ( Artoteche), vengono designate in Germania, già agli inizi del XX secolo, le raccolte di opere d’arte a disposizione del pubblico. La diffusione di vere e proprie organizzazioni specializzate nel prestito di opere d’arte contemporanea avvengono soprattutto nel Centro-Nord Europa; alla fine degli anni ’50 appaiono in Svezia, Norvegia, Finlandia e Danimarca, e tra gli anni ’60 e ’70 si ha la diffusione d’istituzioni simili in Germania, Francia e Olanda. In Italia il prestito di opere d’arte con criteri e modalità diverse si sta diffondendo anche se lentamente.

Una delle prime ad aprire è stata l’Artoteca di Cavriago, in provincia di Reggio Emilia a seguire l’Artoteca di Collecchio. Su scala notevolmente più vasta è il servizio offerto dal Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest, che raggruppa una cinquantina di biblioteche nella fascia nord della provincia di Milano e poi in Alto Adige, Vicenza e L’Artotheque de Rome etc.

Finalmente tale “idea” è approdata anche in Sardegna ed è Olbia la prima città in assoluto a portare nell’isola tale novità, questo grazie al grande lavoro svolto in questi anni dal maestro e direttore, dello spazio arte Olbia/pulse, Aldo Manzanares.

Il prestito di opere d’arte di Olbiapulse è abbastanza semplice:
 

Chi è interessato può visionare le opere sul sito www.siamoarte.com e inviare una richiesta di prestito via mail a olbiapulse@hotmail.it. La consegna dell’opera avverrà la mattina del 29 novembre dalle 11.00 alle 13.00 e la restituzione il 20 dicembre alla stessa ora. Il prestito è gratuito, previa piccola cauzione.

 

Fonte: Olbia.it